Batteri intestino

Domande & RisposteCategoria: IntestinoBatteri intestino
Luca asked 7 mesi ago
Buongiorno, nel caso in cui si sia nati tramite parto cesareo e senza successivo allattamento al seno c'è modo di risolvere i gravi danni che ciò comporta nel corso di tutta la vita? Con la corretta alimentazione è possibile comunque mantenere un intestino con un microbiota in equilibrio? Da ignorante in materia credo che dando da mangiare il giusto cibo all'intestino i batteri buoni non possano fare altro che moltiplicarsi sempre di più, e quindi presumo che anche nel caso si fosse in carenza di essi si possa comunque risolvere anche in questo modo, ma mi interesserebbe molto il parere di un esperto in materia. Inoltre mi farebbe piacere sapere se esiste la possibilità che alcuni batteri appartenenti ad una certa famiglia si convertino, in qualche modo, in caso di necessità dell'organismo, in altri appartenenti ad un'altra famiglia e/o che dei batteri cattivi si convertino, in qualche modo, in caso di necessità dell'organismo, in batteri buoni. La ringrazio moltissimo. Cordialmente, Luca
1 Risposte
Dott. Luciano Lozio Staff answered 7 mesi ago
Buongiorno,    Allora innanzitutto i batteri non si convertono ma mantengono sempre la loro natura. L'unica cosa che può accadere è che, in determinate situazioni, i saprofiti che vivono nel nostro intestino possono diventare patogeni e creare problemi cioè cambiare il loro comportamento; ma mantengono comunque la loro natura.   Per quanto riguarda l'assetto batterico di un neonato non c'è più nulla da fare; l'assetto è modificabile solo per i primi 3 anni di vita. In ogni caso questi bambini/adulti sono carenti di bifidi quindi è bene integrare con PROBIOKAL .